giovedì, 21 settembre 2017

Archivio per gennaio, 2011

Tribunale di Torre Annunziata, sezione civile, Ordinanza, dep. 20 gennaio 2011, Presidente relatore Dott. Massimo Palescandolo, Imprenditore agricolo – non sottoponibilità a norme sul fallimento e concordato preventivo – disparità di trattamento con l’imprenditore commerciale – esenzione – mancanza di reale giustificazione – contrasto con art. 3 Cost. – questione di legittimità costituzionale.

Tribunale di Torre Annunziata, sezione civile, Ordinanza, dep. 20 gennaio 2011, Presidente relatore Dott. Massimo Palescandolo, Imprenditore agricolo – non sottoponibilità a norme sul fallimento e concordato preventivo – disparità di trattamento con l’imprenditore commerciale – esenzione – mancanza di reale giustificazione – contrasto con art. 3 Cost. – questione di legittimità costituzionale.

Tribunale di Torre Annunziata, sezione civile, Ordinanza, dep. 20 gennaio 2011, Presidente relatore Dott. Massimo Palescandolo L'esenzione dalla sottoposizione alle norme sul fallimento e sul concordato preventivo della quale gode l'imprenditore agricolo di cui all'art. 2135 c.c., così come "riscritto" dal legislatore con il D. L.vo 18 maggio [...]

Cassazione civile, sez. I, sentenza 11.11.2010 n. 22915 , Fallimento, versamenti, istituto di credito, apertura di credito, revocatoria.

Cassazione civile, sez. I, sentenza 11.11.2010 n. 22915 , Fallimento, versamenti, istituto di credito, apertura di credito, revocatoria.

 Cassazione civile, sez. I, sentenza 11.11.2010 n. 22915 Fallimento, versamenti, istituto di credito, apertura di credito, revocatoria E’ legittima la revocatoria fallimentare sulle somme versate dall’imprenditore fallito ad un istituto di credito al fine di decurtare il passivo verso la banca, a seguito di un apparente accordo di apertura [...]

Cassazione civile, sez. I, sentenza 11.11.2010 n. 22916

Cassazione civile, sez. I, sentenza 11.11.2010 n. 22916

Cassazione civile, sez. I, sentenza 11.11.2010 n. 22916 Società, concordato preventivo, ammissione, pagamenti successivi, inefficacia Devono considerarsi inefficaci i pagamenti effettuati dalla società, poi dichiarata fallita, dopo l’ammissione della stessa alla procedura di concordato preventivo, in quanto è come se tali corresponsioni [...]